immagine sito ac1

Tutto quanto aveva per vivere

ac manifesto 2017 18

Ad un mese di distanza: il ricordo dei presidenti

FullSizeRenderAd un mese di distanza: il ricordo di alcuni presidenti!

 Una storia bella assaje quella dell’Azione Cattolica della Diocesi di Napoli, una storia che ha visto protagonisti anche noi della Parrocchia “S.Croce” a Ponticelli.

Una festa straordinaria in cui ci siamo sentiti veramente circondati di gioia: l’accoglienza del Consiglio diocesano (a cui vanno i miei più sentiti ringraziamenti) ha reso tutto più bello e ospitale così che ognuno di noi tra grandi e piccini ha vissuto l’esperienza e la realtà diocesana nel suo splendore: gli incontri con le altre parrocchie che come noi hanno condiviso questa giornata ci hanno fatto fare esperienza che stare insieme è una gioia immensa e ancora di più ci hanno reso consapevoli della scelta associativa e del suo stile di vita; da presidente posso descrivere con molta emozione la gioia e l’onore di aver ricevuto il Mandato e la benedizione direttamente dal nostro Vescovo Crescenzio.

La presenza del Cardinale ha impreziosito la giornata: ancora una volta ha manifestato la gioia di amare l’associazione e di far parte in modo concreto e reale in questa storia dell’AC, soprattutto condividendo e ascoltando con noi, dopo la santa messa, le nostre storie e la nostra realtà.
Da presidente parrocchiale di Ac colgo quest’occasione per ringraziare il Consiglio diocesano per il loro impegno. Per il quartiere Ponticelli, purtroppo, non è facile parlare sempre di una storia bella assaje: è un impresa ardua, ma non impossibile. Infatti, vivendo la realtà diocesana, scopriamo sempre di più il volto bello della Chiesa e di questa bella città.

Maria Laura Olivieri
Parrocchia Santa Croce in Ponticelli (Napoli) – IX decanato

 

Sin da piccolo la festa dell'adesione è sempre stata per me un giorno speciale, un giorno proprio "di festa" in ci si riuniva come famiglia: i grandi, i giovani e i piccoli… un po’ come accade nelle nostre case la domenica: ci si riunisce come Famiglia. Ed ho sempre sentito l'Associazione come una seconda famiglia o, meglio ancora, una famiglia più allargata... ma con lo stesso valore e affetto della famiglia di nascita.
Con questo spirito ho vissuto la bella festa dell'adesione di domenica scorsa in Duomo. Vedere tanti bambini, giovanissimi, giovani, adulti, divertirsi, cantare, ridere, partecipare alla Santa Messa presieduta dal nostro Vescovo, padre nella fede, mi ha riportato in mente le mie originarie adesioni vissute da bambino.
Ringrazio Dio per avermi chiamato a servirlo nella Chiesa attraverso l'Ac: lo ringrazio per i tanti volti che mi ha fatto incontrare da partecipante, da educatore, da consigliere e, da qualche anno, da presidente parrocchiale. Posso dire con fede che tutti quei volti erano immagini del Suo volto. Spero che la nostra Ac possa sempre essere in parrocchia come in Diocesi la testimonianza di domenica scorsa: questa bella famiglia, in cui si gioisce in Cristo e proprio per questo si diventa Chiesa. DUC in altum. Sempre.

Giovanni Tammaro
Parrocchia San Giacomo Apostolo in Calvizzano – X decanato